Produrre biocarburanti nelle aziende agricole sarà presto possibile

Produrre biocarburanti nelle aziende agricole sarà presto possibile

Scritto da il 9 Feb, 2015 in News, Olivicoltura | 0 commenti

I biocarburanti di prima generazione prevedevano l’uso di fonti alimentari, come mais e canna da zucchero, innescando polemiche sulla competizione territoriale tra biocarburanti e cibo in un mondo in cui la sopravvivenza alimentare non è ancora garantita per tutti.

Si è quindi passati a biocarburanti di seconda generazione che prevedevano fermentazioni controllate da scarti, come paglia e legno, non direttamente commestibili o utilizzabili nella catena alimentare. Questa tecnologia ha però dei limiti. “il problema è che gli impianti richiesti per i biocarburanti di seconda generazione sono di grandi dimensioni, con la necessità di trasporto su grandi distanze del materiale di scarto. Lo stesso processo produttivo è energivoro e nel complesso si consuma una grande quantità di energia” secondo Mitsuo Horita, ricercatore dell’Istituto nazionale giapponese per le scienze agro-ambientali.

Gli scienziati nipponici hanno invece meso a punto un sistema completo, e su scala ridotta, tanto da poter essere utilizzato anche in un’azienda agricola. Nessun processo troppo complicato da gestire, essendo basato sul sistema tradizionale già adottato dagli agricoltori per la produzione di insilati per l’alimentazione animale.

Il processo messo a punto in Giappone prevede sì l’utilizzo di cereali ma con produzione di etanolo, con un’elevata resa, mangimi di buona qualità e nessun rifiuto.

Il processo messo a punto dai ricercatori giapponesi è stato definito “fermentazione allo stato solido” e consiste nell’imballaggio delle piante di riso intere, unitamente a lievito ed enzimi, avvolgendole con pellicola impermeabile. Durante il processo, i lieviti convertono gli zuccheri e l’amido del riso in etanolo, che si accumula e può essere facilmente drenato per poi subire il processo di distillazione per divenire carburante. Al termine della fermentazione la balla sarà un insilato di alta qualità.

Nelle prove effettuate, il processo ha prodotto fino a 12,4 kg di puro etanolo per balla, dopo sei mesi di incubazione, ovvero dieci volte più etanolo di quello che risulterebbe dalla produzione naturale insilati. Dopo la fermentazione l’insilato mantiene una quantità simile di acido lattico, zuccheri rispetto a un insilato normale, e avendo anche un alto contenuto proteico.

Il tallone d’achille è il tempo lungo richiesto dal sistema che, tuttavia, presenta il vantaggio di non richiedere alcuna immissione di energia. L’uso di un distillatore sotto vuoto ha permesso l’estrazione dell’86% di etanolo accumulato nella balla.

E’ ancora presto perchè il sistema possa essere commercializzato e diffuso. Gli studiosi vogliono infatti migliorare la resa in etanolo e la percentuale di recupero, oltre a effettuare una valutazione ambientale completa dell’intero ciclo produttivo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi