Un eccesso d’azoto ritarda la maturazione delle olive

Un eccesso d’azoto ritarda la maturazione delle olive

Scritto da il 6 Mar, 2015 in News, Olivicoltura | 0 commenti

L’azoto è l’elemento minerale con i costi, per unità fertilizzante, più bassi. Per questo, di solito, si tende ad utilizzarlo in abbondanza, nella convinzione che un eccesso è comunque meglio di una carenza.

In realtà una concimazione azotata troppo abbondante in primavera può provocare squilibri vegeto-produttivi, con formazione di succhioni e polloni, eccessiva competizione dell’attività vegetativa con la fioritura.

I possibili problemi, però, si potrebbero ripercuotere decisamente oltre la primavera, secondo uno studio spagnolo, arrivando fino alla maturazione delle olive e oltre.

Per comprendere l’effetto della concimazione azotata sulla maturazione delle olive, su cultivar Picual, sono state somministrate, a partire dal 1993, diverse dosi di concime azotato, da un minimo di 0 di a un massimo di 1 kg di azoto ad albero.

Nel 2010 sono stati selezionati alcuni alberi sulla base della concentrazione d’azoto a luglio. Sono stati individuati sei alberi con una concentrazione fogliare di azoto inferiore allo 1,4%, definita come soglia di carenza, e sei alberi con una concentrazione di azoto nelle foglie superiore a 1,7%, concentrazione eccessiva.

E’ stato evidenziato come la maturazione delle olive fosse ritardata dall’eccesso di azoto.

In particolare si evidenzierebbero livelli significativamente più bassi di cianidina-3 rutinoside, l’antocianina responsabile della pigmentazione nera. E’ un composto che si accumula durante la maturazione e il cui contenuto è decisamente inferiore nelle olive i cui alberi mostrano un eccesso d’azoto rispetto a quelle carenti.

Un eccesso d’azoto, inoltre, porterebbe a un accumulo d’olio significativamente inferiore rispetto alle piante carenti dell’elemento. Secondo i ricercatori l’azoto indurrebbe infatti un rallentamento dell’attività lipogenetica, ovvero della formazione e dell’accumulo dell’olio nei frutti.

Un alto contenuto di azoto, causato da un eccesso di fertilizzazione, ha insomma un impatto economico significativo per l’azienda olivicola, non solo a causa dell’aumento delle spese di potatura ma anche della riduzione delle rese.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi